STRESS DELLA VITA QUOTIDIANA E DOLORE CRONICO

Piazza, Annals of Behavioral Medicine, 2012

Uno studio recente conferma che il modo in cui le persone reagiscono agli stress quotidiani può avere un'influenza a lungo termine sulla loro salute, contribuendo anche allo sviluppo di dolore cronico.
E' ben noto che gli stress - o meglio, l'iper-reattività a certi stress - siano dannosi per la salute umana.
Il neuroendocrinologo Sapolsky ha descritto in modo suggestivo i benefici e i rischi delle risposte allo stress negli esseri umani e negli altri mammiferi.

.

"Se sei un normale mammifero, la risposta allo stress prevede circa 3 minuti di terrore da urlo, dopo di che o è finita, o tu sei finito. Lo stress è provocato dal fatto che c'è lì qualcuno che cerca di mangiarti, e la crisi è immediata," afferma Sapolsky. "In questa situazione, i polmoni pompano furiosamente ossigeno nel sangue, e il cuore pompa per far circolare questo ossigeno in modo che i muscoli rispondano istantaneamente per sfuggire al predatore che sta cacciando l'animale. La pressione sale per liberare energia e si abbandona qualsiasi cosa che non sia essenziale: la crescita, la riproduzione, stai scappando per salvarti la vita per cui non c'è tempo per ovulare o per impegnarsi per far guarire i tessuti. Lo farai dopo, se ci sarà un dopo".

Gli esseri umani hanno le stesse identiche risposte a eventi stressanti puramente psicologici. Dopo qualche tempo, le reazioni allo stress possono diventare più dannose dello stress stesso. Sapolsky ha sottolineato che gli uomini del mondo occidentale muoiono solitamente per patologie cardiovascolari, cancro, diabete, tutte malattie che evolvono lentamente, causate o peggiorate dallo stress.

Ma qual è l'influenza degli agenti di stress ordinari quotidiani come litigare con un familiare, fallire un test o non rispettare una scadenza di lavoro?

Studi basati sull'osservazione indicano che l'esposizione a questi eventi è associata a variazioni del sistema cardiovascolare, immunitario e neuroendocrino. Ma reagire in modo negativo agli stress della vita quotidiana ha effetti negativi nel lungo termine? Piazza lo ha verificato in uno studio longitudinale, condotto su 435 uomini e donne che hanno riferito i loro stress della vita quotidiana e le loro condizioni di salute a metà degli anni 90 e 10 anni più tardi.

Una reattività emozionale maggiore alla prima intervista era associata a un rischio più elevato di patologia fisica cronica 10 anni più tardi. Maggiore era la reattività emotiva all'inizio dello studio, più importanti erano i problemi di salute dopo 10 anni. Quindi, gli stress del momento incidono sulla salute del futuro, indipendentemente dalle condizioni di salute del momento e dagli stress del futuro. Questo studio ha messo in chiaro che di per sé l'esposizione ai vari agenti di stress non è dannosa. Il danno deriva dall'iper-reazione a questi stress. E' interessante notare che un certo numero di terapie che hanno un modesto effetto benefico sulla lombalgia agiscono anche sulla riduzione della reattività agli stress: esercizi, terapia rilassante, yoga, tai chi, terapia cognitivo comportamentale e altri trattamenti psicologici. Se le conclusioni principali dello studio di Piazza sono corrette, alcune di queste terapie potrebbero aiutare a prevenire lo sviluppo di sindromi di dolore cronico e di altre patologie.

 


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it