SHAKESPEARE SI SBAGLIAVA RIGUARDO LA DEFORMITA' SPINALE DI RICCARDO III?

Wellcome Trust, 2014

Nel 2012 gli archeologi hanno ritrovato lo scheletro di Riccardo III, l'ultimo re inglese morto in battaglia. La sua morte, all'età di 32 anni, ha posto fine alla Guerra delle Due Rose e ha permesso al vincitore Henry Tudor di salire al trono come Re Enrico VII.

William Shakespeare ha parlato di Riccardo III come di un omicida malvagio e cifotico e il ritrovamento archeologico, apparentemente in accordo con l'autore, ha mostrato un corpo con un'estesa deformità spinale. Tuttavia, la deformità spinale era dovuta non ad un'ipercifosi, ma ad una grave forma di scoliosi.
Il Wellcome Trust sta portando avanti un'analisi completa del genoma di Riccardo III e del nipote, attualmente in vita, che corrisponde alla diciassettesima generazione del re. L'obiettivo è quello di scoprire quale fosse il vero aspetto di Riccardo III (non esistono ritratti del tempo) ed esplorare le basi genetiche della sua deformità spinale.


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it