GUARDIAMO AL DI LA' DEI FATTORI FISICI NEL MAL DI SCHIENA OCCUPAZIONALE

 

Kim MG, Annals of Occupational Medicine, 2013

 

I costi sociali più importanti dovuti alla lombalgia sono legati alle assenze dal lavoro prolungate, alla disabilità a lungo termine e alla pensione anticipata.
Nonostante anni di evidenze dimostrino che il problema occupazionale del mal di schiena dipenda da cause multifattoriali, i programmi di prevenzione delle aziende continuano ad occuparsi del miglioramento dell’aspetto ergonomico dei lavoratori, ignorando invece gli aspetti psicosociali del problema. Questo accade nonostante revisioni sistematiche di studi randomizzati controllati non abbiano mai dimostrato che i programmi ergonomici possano offrire dei benefici.

Uno studio trasversale condotto da Min Gi Kim ha esaminato lo stress lavorativo nei pompieri di tutta la Corea del Sud, considerando la sua possibile influenza sui problemi di salute occupazionali. I pompieri sono continuamente sottoposti ad allenamenti intensivi in preparazione ad ogni circostanza e, in servizio, indossano indumenti protettivi che arrivano a pesare 25kg.
Tra lavoratori per i quali i fattori fisici dovrebbero essere la causa determinante di lombalgie e cervicalgie, come appunto i pompieri, è stato dimostrato che, ad essere strettamente associato ai problemi di salute, non è tanto il fattore fisico quanto quello legato allo stress.
Kim ha quindi consigliato di offrire ai lavoratori dei programmi di prevenzione e gestione dello stress lavorativo in sostituzione ai programmi incentrati solamente sul miglioramento dell’ergonomia.

 


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it