Il materiale scientifico presentato sul sito è indirizzato ai medici e ai tecnici che trattano le patologie vertebrali. Per i pazienti le informazioni mediche disponibili in queste pagine sono solo ad uso educativo e non sono sostitutive di un parere medico o tecnico professionale.



GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS

                     GSS News
       Anno VIII, Numero 7 - 21 luglio 2005
 
GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS*GSS
 
--------
Il GSS rispetta la vostra privacy!
La lista degli iscritti e' strettamente riservata e non verra' mai fornita a terzi.
Se non volete piu' ricevere le News, trovate piu' avanti le istruzioni per la 
rinuncia
--------
_________________________
In questo numero:
 
 
** IN BREVE DALLA LETTERATURA

** GIORNATA DI AGGIORNAMENTO CIFOSI

** COMUNICATO STAMPA ISICO

** LINK UTILI 
 
** LA CITAZIONE
  
 
====================================================
I N   B R E V E    D A L L A  L E T T E R A T U R A
====================================================
 
A cura della Segreteria Scientifica GSS


+ RIDURRE LA PAURA E PROMUOVERE L'ATTIVITÀ HA AVUTO EFFETTI BENEFICI IN UN VASTO STUDIO RANDOMIZZATO
Von Korff M. Pain 2005; 113:323-30.

In uno studio randomizzato, la riduzione della paura e la promozione dell'attività ha avuto effetti benefici a breve e a lungo termine su pazienti con mal di schiena cronico. "L'intervento, che prevedeva quattro sedute e un periodo di follow-up di due anni, ha portato a una riduzione delle limitazioni nelle attività provocate dal mal di schiena e a una riduzione significativa della paura dei pazienti riguardo all'attività fisica," secondo l'autore.
Von Korff ha selezionato una serie di pazienti afferenti agli ambulatori di medicina di base per identificare persone con limiti significativi dell'attività. Ha quindi collocato in modo randomizzato 240 persone o al programma di attivazione sperimentale, o alla terapia consueta. La maggior parte dei pazienti dello studio erano di mezza età, con lombalgia cronica o ricorrente. In media, i soggetti riportavano un'interferenza da moderata a grave con le normali attività a causa del mal di schiena. 
I risultati sono stati incoraggianti. I pazienti del gruppo di attivazione hanno riportato una diminuzione di 3,9 punti nel punteggio del Roland Disability Questionnaire dopo 12 mesi, e una riduzione di 4,2 punti dopo 24 mesi. I soggetti curati in modo consueto hanno riportato una riduzione di 2,3 punti dopo 12 e 24 mesi.
Al controllo dopo 6 mesi, il 42% del gruppo di attivazione ha riportato un miglioramento clinico significativo, contro il 24% del gruppo di terapia consueta. Il gruppo sperimentale ha ottenuto una riduzione dei punteggi dell'astensione per paura da una media di 47 all'inizio a 25 dopo l'intervento. Il gruppo di controllo non ha riportato riduzione dei punteggi dell'astensione per paura.


+ IL CERVELLO PUÒ CREARE IL DOLORE?
Neuroimage, 2004;23(1):392-401

Il cervello gioca un ruolo chiave nella modulazione del dolore. Alcuni studi hanno chiaramente dimostrato che il cervello può attenuare il dolore di una lesione locale, o permettere che venga avvertita ancora più violentemente. Ma il cervello da solo può essere una causa di dolore, in assenza di qualsiasi input nocicettivo dalla schiena?
Nel campo del mal di schiena, molti sospettano che una certa parte del mal di schiena cronico derivi da una disfunzione in corso nel cervello e nel sistema nervoso, piuttosto che da una lesione spinale locale. Per sostenere la loro tesi, fanno notare che è difficile identificare un evidente generatore locale di dolore nella maggior parte dei casi di lombalgia cronica. Uno studio recente dell'Università di Pittsburg sostiene che il cervello può realmente generare il dolore senza alcun input nocicettivo.
Derbyshire ha ipnotizzato otto soggetti volontari. Quindi ha studiato i pattern di attivazione cerebrale in tre diverse situazioni: mentre ricevevano uno stimolo termico doloroso, mentre credevano di ricevere uno stimolo termico doloroso ma non lo stavano ricevendo e mentre erano consapevoli che non stavano ricevendo alcun stimolo termico doloroso.
Lo stato ipnotico in cui i soggetti credevano di ricevere uno stimolo doloroso provocava un pattern di sintomi e un'attivazione cerebrale simili a quelli nello stimolo termico.  Lo studio fornisce un'evidenza diretta che il cervello può generare dolore  in assenza di qualsiasi reale input nocivo. Questo è significativo, perchè molti disturbi funzionali, come la fibromialgia, potrebbero dipendere da meccanismi simili. Il fatto che l'ipnosi sia stata in grado di indurre un'esperienza dolorosa indica che esiste una rete di comunicazione nervosa del dolore; in altre parole, alcuni dolori potrebbero essere davvero nel cervello.


+ IL MAL DI SCHIENA CRONICO ALTERA I PROCESSI CEREBRALI?
Arthritis & Rheumatism, 2004;50(2):613-23.

Uno studio recente di Giesecke ha riscontrato che il mal di schiena cronico è associato a ipersensibilità a impulsi dolorosi e a processi cerebrali alterati. Il coautore Alf Nachemson, il maggiore studioso al mondo della colonna vertebrale, ha rilevato anomalie in aree cerebrali simili allo studio di Apkarian presentato nel 2004 sul Journal of Neuroscience.
Apkarian ipotizza che la perdita di tessuto possa essere correlata a un'atrofia da uso eccessivo dei circuiti cerebrali colpiti. Lavori precedenti di questi ricercatori indicano che il mal di schiena cronico persistente porta a un'anomalia chimica cerebrale nelle aree del cervello coinvolte nella valutazione emotiva, nel processo decisionale e nella regolazione del comportamento sociale. Queste anomalie chimiche possono logorare alcune parti del circuito cerebrale. 
Nachemson sostiene che le cellule della materia grigia possano semplicemente morire dopo "anni di bombardamento" ad opera di reazioni anomale correlate al dolore. Questo potrebbe spiegare il fallimento dei trattamenti del mal di schiena cronico mirati solo alla patologia locale a livello del rachide lombare.



====================================================
G I O R N A T A   D I   A G G I O R N A M E N T O
====================================================

+ www.gss.it/notizie/cifosi05.htm

SABATO 22 ottobre 2005 si svolgerà a Milano la Giornata di
Aggiornamento sul TRATTAMENTO DELLA CIFOSI IN ETA'
EVOLUTIVA: aspetti clinici, riabilitativi ed educativi.
Destinatari: medici, fisioterapisti, laureati in scienze motorie,
tecnici ortopedici. Sono stati richiesti i crediti ECM per gli operatori
sanitari.
Programma e modalità di iscrizione alla pagina:
www.gss.it/notizie/cifosi05.html



====================================================
C O M U N I C A T O   S T A M P A   I S I C O 
====================================================

+ www.isico.it/comunicati/comunicato.asp?id=19
Notizie dalla bibliografia internazionale a cura di ISICO - Istituto
Scientifico Italiano COlonna vertebrale.
- Mio figlio ha mal di schiena: deve fare la Risonanza Magnetica?
- Efficacia di un programma di esercizi Tai Chi. Dalla saggezza orientale il movimento che aiuta a star bene



====================================================
L I N K  U T I L I  
====================================================

+ www.bedandbreakfastineurope.com/index.htm
Una raccolta di Bed&Breakfast in tutta Europa. Ha una efficace mappa e presenta le foto ed i prezzi dei vari B&B. Il sito è anche in italiano.


+ www.capital.it/trovacinema/home_page.jsp

La programmazione nei cinema italiani: per trovare facilmente dove vedere un film o cosa si proietta nella tua città. Troverete anche informazioni e commenti (sia della critica che del pubblico) sui film e sulle sale.



====================================================
L A  C I T A Z I O N E
====================================================

"Più bello di tutto è essere giusti, però la cosa migliore è vivere senza malattie" (Sofocle).



====================================================
P E R C H E'   A S S O C I A R S I   A L   G S S
====================================================
 
+ Accresce le competenze e promuove il progresso professionale (www.gss.it/associa.htm)
 
+ Offre un aggiornamento continuo e di alta qualità nel settore delle patologie vertebrali (www.gss.it/attivita.htm)
 
+ Consente un notevole risparmio di tempo e di denaro perché offre il servizio di selezionare e riassumere in italiano gli articoli delle più qualificate riviste scientifiche a livello internazionale (www.gss.it/aggiorn.htm).
 
+ Consente la lettura degli articoli pubblicati sulle riviste scientifiche internazionali sottoscritte dal GSS e la ricerca su temi specifici di carattere  clinico, riabilitativo e preventivo (www.gss.it/servizi.htm)
 
 
 
====================================================
Q U A L C H E  C H I A R I M E N T O
====================================================
 
-- Cos'e' il GSS?
Il Gruppo di Studio della Scoliosi e delle patologie vertebrali e' un'associazione scientifica no-profit.
Per maggiori chiarimenti, vai alla pagina 
http://www.gss.it/gss.htm
E' possibile iscriversi al GSS anche direttamente via Internet: vai alla pagina http://www.gss.it/scheda.htm
 
-- Cosa sono le GSS News?
Le GSS News (che state leggendo adesso) sono una pubblicazione mensile che viene GRATUITAMENTE inviata via e-mail a chiunque (Soci e non) ne fa richiesta.
 
-- Cos'e' GSS Online?
E' un insieme di servizi e iniziative offerti via Internet gratuitamente ai Soci  del GSS. 
Per maggiori informazioni vai a
http://www.gss.it/online/index.htm
 
_________________________
* Vi invitiamo a distribuire liberamente le GSS News, senza alcuna modifica, a chiunque possa essere interessato.
 
* E' possibile consultare i numeri arretrati delle News dalla pagina
/gss/news/index.htm 
 
_________________________
Abbonamento/Rinuncia
Per ricevere le GSS News, inviare una e-mail a: 
abbonami@gss.it
 
Per non ricevere piu' le GSS News, inviare una e-mail a:
rimuovi@gss.it
 
------------
Gruppo di Studio della Scoliosi e delle patologie vertebrali
Casella postale 89
27029 Vigevano PV
Tel./Fax 0381 23617
E-mail: gss@gss.it
http://www.gss.it

Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it