RISCHI DI PROGRESSIONE NELLE SCOLIOSI DE NOVO DELL'ADULTO

Faraj SS, European Spine Journal, 2016

Una revisione sistematica della letteratura è andata ad analizzare i fattori prognostici di progressione della scoliosi lombare degenerativa de novo (DNDLS). Dai 12 studi inclusi è stata trovata una forte evidenza di associazione tra un incremento della degenerazione discale, una traslazione vertebrale laterale >/=6 mm e una linea intercrestale che incrocia L5 (invece di L4) con la progressione della curva nelle DNDLS. Sono state inoltre rilevate evidenze moderate che identificano nella rotazione della vertebra apicale (II/III grado) un fattore di rischio per la progressione della curva.

Al contrario, la presenza di osteoporosi, un angolo di Cobb inferiore ai 30 gradi, l’entità della lordosi lombare, una differenza tra osteofiti laterali >/=5 mm e la presenza di spondilolistesi degenerativa non sono risultati essere fattori di rischio di progressione.

Nonostante sei studi mostrino che gradi Cobb inferiori a 30° non sono associati ad una progressione delle curve, non dobbiamo confondere questo dato con il presupposto che le curve inferiori a 30° non progrediscano del tutto. Bisogna infatti tenere presente che, per definizione, tutte le curve de novo iniziano a 0° e progrediscono, anche restando al di sotto di 30°.


Gruppo di Studio della Scoliosi e della colonna vertebrale
Corso Pavia, 37 - 27029 Vigevano (Pv), Italia - gss@gss.it